Gli animali di uno zoo argentino familiarizzano con i visitatori

Coccole selvagge

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

I visitatori dello zoo di Jujan, in Argentina, hanno l’opportunità di stare a stretto contatto con gli animali più pericolosi del mondo.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

Possono fare le coccole a una tigre, strofinarsi il naso con quello di un leone e dare da mangiare a un orso senza correre alcun pericolo di vita.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

Nello zoo, che ha aperto nel 1994, non si sono mai verificati incidenti di nessun tipo e alcuni dei visitatori pensano che le fiere siano drogate. 

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

I respondabili della struttura assicurano invece che la mitezza e la docilità degli animali sia frutto del modo in cui sono stati allevati fin da cuccioli che li ha resi adulti non aggressivi.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

Inoltre accudirli con amore e preoccuparsi che siano sempre ben nutriti e curati contribuisce a tenerli calmi e rilassati.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, zoo, animali feroci, grandi felini, elefanti, orsi

Lo zoo ospita leoni, tigri, orsi, elefanti, scimmie, asini, pony, lama, cervi, pavoni e varie specie di rettili e uccelli. Molti di questi animali erano tenuti illegalmente in case private e sono arrivati allo zoo dopo essere stati sequestrati ai proprietari.

 

Fonte: Daily Mail

Foto: Zoo De Lujan Con Las Superguias

 

Gli animali di uno zoo argentino familiarizzano con i visitatoriultima modifica: 2013-04-05T10:00:00+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento