Un cane ha salvato il padrone recapitando una richiesta di aiuto

Messaggero fedele

Un homeless che vive a Tumwater, nello stato di Washington, è vivo grazie a Buddy, il suo cane con sangue di pastore australiano, che ha dato l’allarme dopo che l’uomo ha avuto un malore.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani, labrador, pastori australiani, cane salvatore

Mercoledì scorso una signora che stava portando a spasso il suo labrador nei pressi di una linea ferroviaria ha visto un altro quattrozampe con un bigliettino attaccato alla pettorina.

Sul pezzo di carta c’era scritto: “Aiuto. Mandate aiuto. Non è uno scherzo, non posso camminare. La medicina non fa effetto. Ho bisogno di un dottore“.

La donna ha chiamato il pronto intervento ma, visto che il messaggio non aveva firma o altre indicazioni, la polizia non sapeva chi soccorrere né dove.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani, labrador, pastori australiani, cane salvatore

Dopo una breve indagine, gli agenti hanno saputo che un senza tetto viveva col suo cane in quella zona così hanno cominciato a cercarlo e lo hanno trovato in una tenda da campeggio dentro un bosco.

“L’uomo non riusciva a muoversi, non aveva cellulare e non poteva chiedere soccorso. Non aveva modo di contattare nessuno ed era certo che sarebbe morto” ha dichiarato il detective Jen Kolb del dipartimento di polizia di Tumwater.

Kolb ha aggiunto che il biglietto era l’ultimo disperato tentativo di sopravvivenza che l’uomo ha affidato al suo cane, attaccandoglielo alla pettorina.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani, labrador, pastori australiani, cane salvatore

Il senza tetto è stato ricoverato all’ospedale dove ha trascorso la notte, il giorno dopo è stato dimesso e ha potuto riabbracciare il suo salvatore a quattrozampe.

 

Fonte: kirotv
 

Un cane ha salvato il padrone recapitando una richiesta di aiutoultima modifica: 2013-02-15T09:00:00+01:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento