Due cuccioli sofferenti sono andati a chiedere aiuto in ospedale

Check-up a otto zampe

Due piccoli meticci si sono presentati in un ospedale di Corpus Christi, in Texas, e sono riusciti ad avere le cure mediche di cui avevano bisogno.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

I due cagnolini sono entrati insieme al Christus Spohn Shoreline, erano magri, stanchi e sofferenti, e si sono diretti al banco dell’accettazione.

Si sono accucciati uno accanto all’altro e hanno aspettato il loro turno come tutti gli altri pazienti.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

Il dottor Jim Cato e il suo staff hanno deciso di dare una mano ai due cuccioli che sono stati prima visitati e successivamente sfamati e rifocillati.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

L’ospedale ha contattato la Gulf Coast Human Society che ha acconsentito ad accogliere i due cuccioli, in attesa che vengano adottati.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

E’ stato il dottor Cato che li ha portati al rifugio, li ha sistemati sul sedile poteriore della sua auto e li ha condotti nella loro nuova casa.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

La notizia dei due cuccioli che sono andati in ospedale si è diffusa nel giro di qualche ora e le richieste di adozione sono cominciate a fioccare.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cuccioli malati, cuccioli in ospedale

La Gulf Coast Human Society sta valutando la possibilità di non dividerli e l’intento dovrebbe avere successo perché parecchie famiglie li hanno richiesti entrambi.

 

Fonte: kiii.tv

 

Due cuccioli sofferenti sono andati a chiedere aiuto in ospedaleultima modifica: 2012-02-17T10:00:00+01:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento