Un cane cieco ha imparato a vedere usando l’ecolocazione

Batdog

 

Rowan, un German Spitz nato senza occhi, riesce a “vedere” usando lo stesso metodo dei pipistrelli, la localizzazione di cose e persone attraverso l’eco.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani ciechi, German Spitz, ecolocazione, pipistrelli

Il cane abbaia e resta in ascolto dell’eco del suono che ha prodotto e che gli suggerisce la sua posizione rispetto all’ambiente in cui si trova.

Rowan, che adesso ha 18 mesi, è assolutamente indistinguibile da un cane vedente grazie al suo particolarissimo navigatore personale, il suo abbaiare.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani ciechi, German Spitz, ecolocazione, pipistrelli

Samantha Orchard, la sua padrona che ha un allevamento e una pensione per cani a Potton in Inghilterra, è rimasta sconvolta quando ha scoperto che il cucciolo era nato cieco ma lo è stata ancora di più quando ha capito che Rowan usuva l’ecolocazione per muoversi.

“Abbaia per misurare la distanza che deve percorrere e quando lo chiamo sa benissimo dove mi trovo e mi raggiunge correndo senza nessuna incertezza” ha dichiarato la donna.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani ciechi, German Spitz, ecolocazione, pipistrelli

“E’ un esemplare incredibile, nessuno che non lo sappia già si accorge che è cieco. Ha una vita assolutamente normale, è allegro, affettuoso e molto intelligente. Va d’accordo con gli altri cani e i miei figli lo adorano, è il loro preferito”.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, cani ciechi, German Spitz, ecolocazione, pipistrelli

Rowan ha anche vinto la medaglia di bronzo per l’ubbidienza e la docilità a un concorso di Cittadino modello, nonostante la sua partecipazione non fosse regolare, perché riservata agli umani.

 

Fonte: Small World News

 

Un cane cieco ha imparato a vedere usando l’ecolocazioneultima modifica: 2011-06-22T08:00:00+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento