Cagna ferita si prende cura dei suoi cuccioli e di un felino adottivo

Supermamma

 

 

Una cagna gravemente ferita è riuscita ad occuparsi dei suoi cuccioli e di un figlio adottivo, un gatto orfano.

Esperanza, un incocio con un cane da pastore, è stata trovata da Criss Gerwing, che lavora alla Edmonmton Humane Society, in una riserva naturalistica vicino Red Deer, nella provincia canadese di Alberta.

 

supercagna_salvata1.jpg

 

Era stata ivestita da una macchina e aveva una gamba rotta e diverse ferite in tutto il corpo.

Quando Criss le si è avvicinata, l’animale era stremato e probabilmente in cerca di cibo. Ma non appena ha visto la donna è riuscita a farsi seguire in una grotta dove c’era la sua strana cucciolata.

In mezzo ai suoi cinque piccoli c’era anche un giovane gatto che faceva parte della famiglia.

 

“Lo ha allattato lei” ha dichiarato la Gerwing “e lo ha allevato come se fosse suo. I cuccioli sono arrivati dopo e sono diventati i suoi fratellini”.

Nonostante la brutta frattura al femore, Esperanza è riuscita a nutrire sia i cuccioli che il gatto e a trovare il cibo per se stessa.

 

supercagna_salvata2.jpg

 

La famiglia di pelosi è stata accolta alla Edmonton Humane Society, Esperanza è stata operata e il Jacob gatto è stato temporaneamente allontanato da lei e dai cuccioli perché è necessario che cambi alimentazione.

Il latte della cagna gli ha causato un po’ di problemi allo stomaco che, se trascurati, potrebbero degenerare ed essergli letali. Ma tra qualche settimana sarà restituto alla sua mamma e ai suoi grassi e vivaci fratellini.

 

Fonte: Winnipeg Free Press

 

 

 

Cagna ferita si prende cura dei suoi cuccioli e di un felino adottivoultima modifica: 2011-01-18T08:00:00+01:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Cagna ferita si prende cura dei suoi cuccioli e di un felino adottivo

  1. ieri sera dicevo a mia moglie vedendo un servizio su gli elefanti feriti dai bracconieri quali atroci sevizie
    erano stati vittime la mia indignazione è pari all’odio che nutro per il genere cosidetto umano. e dopo le chiamano bestie! di fronte a questo caso vedere un essere vivente purchè ferito accudire la sua famiglia
    c’è da vergognarsi quando noi invece buttiamo i ns figli nei cassonetti . da parte mia dopo aver vissuto con un gatto 10 anni e averlo perso per una malattia ai reni ,da due anni mi lecco le ferite perchè senza
    di lui stò male dormo poco e passo il mio tempo fissando le sue foto e piangendo come un bambino. sono matto? forse ma non cambierei l’amore di un gatto neanche con tutto l’oro di questo schifoso mondo di assassini . ah mi sono sfogato! w i cani w i gatti eccc….. chi non gli ama uccide se stesso
    paolo.

Lascia un commento