Un barboncino aiuta i bambini a imparare a leggere

Un barbone in biblioteca

 

Johnny Claude, un cane di sei anni adottato dalla signora Gretchen Gott quando aveva sei mesi, aiuta i bambini a imparare a leggere.

Il barboncino si reca tutti i giorni alla boblioteca Mary E. Clarke Hampstead, negli Stai Uniti, e si siede in mezzo ai bambini che prendono lezioni di lettura.

 

cane_biblioteca1.jpg

 

Sono piccoli che hanno problemi di apprendimento, spesso dovuti a deficienza di attenzione o ansia da prestazione. La presenza di Johnny Claude li rasserena e aumenta la loro concentrazione.

“Dopo un po’ che frequentano il cane, i bambini  hanno voglia di leggergli una storia, lui li ascolta con molta attenzione e li gratifica” ha dichiarato Peggy Thrasher, la direttrice della biblioteca.

Johnny Claude è anche un therapy dog specializzato nel recupero verbale dei veterani feriti in guerra, soprattutto in Iraq e in Afghanistan.

 

cane_biblioteca2.jpg

 

A dicembre dello scorso anno, il cane ha rischiato di morire per un’emorragia allo stomaco e altre complicazioni ed è stato assente dalla biblioteca e dall’ospedale della Pease Air Base per sei mesi.

Ma fortunatamente è guarito e da qualche giorno è tornato al suo lavoro: aiutare i bambini a imparare a leggere e a portare allegria e affetto ai soldati feriti.

 

 

Fonte: Zootoo.com

 

 

Un barboncino aiuta i bambini a imparare a leggereultima modifica: 2010-05-07T08:00:00+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Un barboncino aiuta i bambini a imparare a leggere

  1. Salve la contatto per un progetto che ho appena realizzato sotto forma di blog il quale ha il solo scopo di fare una stima di quanti visitatori hanno i blog italiani, inoltre è possibile inserire il proprio link con recensione e scambiare il link con altri blog iscritti.
    Non le sarà chiesto di inserire il link del mio blog sul suo, ma solo di farci sapere quante visite realizzate al giorno.
    Spero che possa partecipare a questa iniziativa, distinti saluti Davide.

Lascia un commento