Le Ferrovie dello Stato e i cani: Austria preoccupata

Grrrrrrrr Trenitalia

1316446150.jpgVIENNA – Austriaci allarmati, preoccupati ed anche scandalizzati: dal primo ottobre sui treni italiani non si potranno portare cani che pesano più di 6 chilogrammi. Quelli al di sotto di questo peso dovranno avere certificati veterinari rilasciati nei 30 giorni precedenti.

Lo racconta il quotidiano di Innsbruck Tiroler Tageszeitung dedicando largo spazio alla notizia. Molti austriaci – grandi amanti degli animali come tutte le popolazioni mittel-europee – attraversano il Brennero in treno per arrivare in Alto Adige anche per una semplice gita di un giorno. Stessa cosa fanno i tedeschi della vicina Baviera. Adesso c’è grande preoccupazione.

 Il giornale spiega che i provvedimenti delle Ferrovie italiane sono legati ai numerosi casi di zecche e pulci trovare sulle carrozze ferroviarie. Un dirigente delle Ferrovie austriache (Oebb) dice al giornale di non sapere nulla di questa novità e non nasconde la propria preoccupazione anche perché attraverso il Brennero, nel vecchio Tirolo, i transiti turistici sono una norma. Inoltre dal novembre prossimo, racconta il giornale, chi sarà senza certificati sanitario dovrà pagare 100 euro di multa. Unica – magra – consolazione: dal provvedimento sono esenti i cani per ciechi.

 Fonte: ANSA

Le Ferrovie dello Stato e i cani: Austria preoccupataultima modifica: 2008-09-26T13:32:00+02:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “Le Ferrovie dello Stato e i cani: Austria preoccupata

  1. VERGOGNATEVI! UN’ALTRA CHIARA DIMOSTRAZIONE DELLA SCARSA SENSIBILITA’ NEI CONFRONTI DEI NOSTRI AMICI ANIMALI! E’ INUTILE PROPORRE CAMPAGNE CONTRO L’ABBANDONO, QUANDO RISULTA IMPOSSIBILE SPOSTARSI CON LORO…GRAN PARTE DEGLI HOTEL SONO OUT, LE SPIAGGE PURE ED ORA ANCHE I VAGONI(GIA’ LURIDI PER CONTO LORO)…POI SCUSATE, LE PULCI E LE ZECCHE INFESTANO SOLO I CANI CON PESO SUPERIORE AI SEI KG?

  2. … alla fine è sempre colpa di quei poveri animali! Ma i padroni?
    Io prendo spessissimo il treno e posso assicurare che gli esseri umani – civili per antonomasia- si comportano in maniera maleducata: bagni sporchi, carte a terra, tavolini con briciole, suonerie dei cellulari a tutto volume… potrei raccontarne tante ma mi vergogno perché sono italiana e ci dobbiamo far sempre riconoscere! IMPARATE DAGLI ANIMALI AD ESSERE UMANI

  3. Io spero che questo accanimento contro l’amico fedele all’uomo il cane, finisce al più presto in modo positivo, perchè qualora venga disposto il divieto veramente l’Italia si dimostra di essere un Paese da terzo mondo. Le zecche sono presente nei vagoni a causa delle pulizie non effettuate.

Lascia un commento