Una corte australiana assolve una capra per aver mangiato dei fiori

Leccornie fiorite

Un magistrato australiano ha respinto le accuse contro un uomo che era stato denunciato perché Gary, la sua capra, aveva mangiato dei fiori all’esterno del museo di arte contemporanea di Sydney.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

Al commediografo Jimbo Bazoobi, il vero nome è James Dezarnaulds, era stato ingiunto di pagare una multa di quasi 350 euro per aver contribuito a danneggiare il verde di un’aiuola.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

La polizia sosteneva che Dezarnaulds si era comportato in modo irresponsabile permettendo alla sua capra di cibarsi del tappeto di fiori che adorna l’esterno del museo.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

Ma il magistrato Carolyn Barkell ha dichiarato che non c’è nessuna prova che sia stato il commediografo a indurre Gary a mangiare i fiori.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

La giudice ha aggiunto che Dezarnaulds non aveva la possibilità di immaginare che cosa avrebbe mangiato la capra e che era all’oscuro che l’animale preferisse i fiori all’erba.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

Secondo il magistrato, non c’era nessun motivo di multare l’uomo. “La capra Gary ha impartito un’utilissima lezione ai poliziotti: non fare mai il passo più lungo della gamba”.

notizie animali, notizie divertenti, notizie strane, notizie commoventi, capre, animali in tribunale

Il signor Dezarnaulds non è stato chiamato a presenziare all’udienza e ha aspettato con Gary fuori dal tribunale, circondato da giornalisti e fotografi.

Foto: BBC News
 

Una corte australiana assolve una capra per aver mangiato dei fioriultima modifica: 2013-01-28T09:00:00+00:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento