Una cavalla cieca ha cinque capre e cinque pecore come guide

Tutte per una e una per tutte

 

Michelle Feldstein, proprietaria del Deer Haven Ranch, era pronta ad accogliere una nuova ospite.

Una cavalla cieca che si sarebbe aggiunta alle anatre che non riescono più a volare, ai gatti disabili e ai lama orfani e senza tetto di cui si prende cura nel suo rifugio in Montana, negli USA.

cavallo_cieco1.jpg

Ma non era preparata alle dieci accompagnatrici al seguito di Sissy, la quarter horse di quindici anni non vedente che ha salvato dalla morte.

“Sissy è arrivata con cinque pecore e cinque capre che si prendono cura di lei” ha dichiarato Michelle.

Le pecore-guida e le capre-guardiane non la lasciano mai da sola, l’accompagnano a bere e a mangiare e la conducono nella stalla con qualsiasi tempo, anche se nevica o piove a dirotto.

cavallo_cieco2.jpg

“Quando Sissy mangia, le sue amiche le girano attorno e controllano che riesca a raggiungere il fieno.

Le mostrano dove si trova l’acqua e si posizionano sempre tra lei e un ostacolo, per esempio la palizzata del recinto, per farle capire che non può andare avanti”.

cavallo_cieco3.jpg

Michelle e suo marito Al devono affrontare più di 35.000 euro di spese all’anno per nutrire, curare e riscaldare più di 200 animali. Ricevono aiuti da privati, qualche contributo statale e gestiscono una guest house per umani, i cui proventi li aiutano a sostenere i costi del ranch.

“Noi siamo la loro ultima chance, accettiamo tutti quelli che altrimenti verrebbero abbattuti perché troppo impegnativi e costosi da tenere in vita.

cavallo_cieco4.jpg

Sissy è arrivata a febbraio e se non l’avessimo accolta sarebbe morta e chissà che fine avrebbero fatto le sue amiche.

E’ magico il loro rapporto. Quando guardo le capre, le pecore e la giumenta e come sono diventate amiche penso, perché la gente non può fare o stesso?”.

 

 

Fonte: Billings Gazette

 

Una cavalla cieca ha cinque capre e cinque pecore come guideultima modifica: 2011-06-10T08:00:00+00:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento