Un pony gioca a pallone come un vero professionista

Zoccoli da campione

 

 

Un pony di tre anni, trovato a girovagare sul ciglio di una statale a Bolton, in Inghilterra, è diventato l’attrazione del posto grazie al suo talento di giocatore di football.

Secondo lo staff del Bleakholt Animal Sanctuary di Edenfield che lo ha adottato, Jeffrey non desidera altro che calciare e colpire di testa una palla. E riesce a fare goal sia di destra che di sinistra.

 

pony_calcio1.jpg

 

Neil Martin, il manager della riserva, ha dichiarato: “Quando lo abbiamo trovato, sei mesi fa, era in buone condizioni e si è lasciato avvicinare
abbastanza facilmente.

E’ un giovane maschio in età da riproduzione e quindi abbastanza esuberante. In questo momento abbiamo molte giumente in calore ma il fatto
che siano 10 volte pià grandi di lui non lo preoccupa minimamente.

 

pony_calcio2.jpg

 

Noi invece dobbiamo tenerlo d’occhio perché le cavalle potrebbero ferirlo e lo abbiamo messo in un grande recinto con un maschio più vecchio di lui, così si tengono compagnia.

Per tenerlo occupato, e calmargli i bollenti spiriti, gli abbiamo dato una palla, sperando che cominciasse a giocarci. Ed è stato amore a prima vista, da quando ci ha messo gli zoccoli addosso, non l’ha mollata più”.

 

 

Jeffrey usa una capanna di legno come porta e ci scaraventa la palla dentro, sia con gli zoccoli che di testa.

Il personale del centro non può giocare con lui perché se qualcuno si avvicina al pallone, il pony lo carica, cercando di investirlo. E non
tollera neanche un portiere davanti alla rete.

pony_calcio3.jpg

 

Per il resto, è un cavallino molto socievole che interagisce con gli altri animali, lo staff e il visitatori della riserva con grande entusiasmo.

“Siamo felici di averlo trovato” ha aggiunto Neil “e di avergli offerto un posto dove vivere felice per il resto della sua vita”.

 

 

Fonte: The Bolton News

 

 

Un pony gioca a pallone come un vero professionistaultima modifica: 2011-05-11T08:00:00+00:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento