Trentasette pecore bianche hanno dato alla luce 60 agnellini neri

Biologia o beffa?

 

 

Un allevatore e sua moglie sono rimasti di stucco quando dalle loro 37 pecore bianche sono nati 60 agnellini tutti neri.

Jacob e Sally Du Toit, che hanno una fattoria vicino a Royston, nel Sud dell’Inghilterra, non riescono a spiegarsi come sia possibile che le madri, tutte col manto candido e fecondate da un montone dello stesso colore, siano nati cuccioli completamente neri.

 

pecorebianche_agnellineri1.jpg

 

“Gli agnellini nati ad aprile sono tutti neri nonostante i genitori siano entrambi bianchi” ha dichiarato Sally.

“Di solito si vede una sola pecora nera in un’intero gregge, il famoso detto deriva proprio dalla rarità del manto scuro, e invece stavolta sarà tutto il contrario.

E’ un evento stupefacente e non abbiamo idea di come si sia verificato. Quando è nato il primo agnello nero pensavamo che sarebbe stato l’unico, eravamo contenti perché amiamo le pecore nere.

Ma quando abbiamo visto che continuavano a venire alla luce cuccioli colore della notte siamo rimasti davvero impressionati. Per noi è un bel segno, ci sentiamo benedetti dalla fortuna.

 

pecorebianche_agnellineri2.jpg

 

Peter Morris, presidente della National Sheep Association, ha dichiarato:” Avere questo numero di agnelli neri in un gregge bianco è eccezionale, non ho mai sentito una cosa simile prima d’ora.

Le ipotesi sul perché da madri e padre bianco siano nati figli neri sono due: o si è verificato un regresso genetico o un montone nero si è intrufolato tra le femmine e ha beffato quello bianco.

Sono propenso a credere alla prima ipotesi anche se il gene ancestrale doveva essere molto forte e si è comportato da dominante invece che regressivo.

 

blacklamb.jpg

In ogni caso i Du Toit hanno ragione a sentirsi benedetti dalla fortuna perché questo gregge vale davvero una fortuna”.

 

 

Fonte: Daily Mail

 

 

Trentasette pecore bianche hanno dato alla luce 60 agnellini neriultima modifica: 2011-05-02T08:00:00+00:00da salvolapecora
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento